More

    35` anniversario dalla tragedia: Chernobyl

    26 aprile 1986, ore 1:23:45 AM. Centrale nucleare di Chernobyl, presso il reattore nucleare RBMK numero 4 della centrale. un malfunzionamento al reattore, quella notte causerà uno dei disastri più catastrofici della storia accompagnato solo a quello che succederà a Fukushima, 25 anni dopo.

    Durante un test di sicurezza sul reattore nucleare RBMK numero 4 della centrale, condotto allo scopo di simulare un black out, al fine di elaborare una soluzione per mantenere freddo tale reattore per il tempo necessario a ristabilire l’alimentazione d’emergenza alle pompe d’acqua. Il reattore risulterà instabile, e nessuno purtroppo se ne accorse in tempo. quando in piena notte, dopo essersi accorti del problema l’allarme suonò, rese necessario l’immediato spegnimento del reattore, ma per una fatalità peggiorò imminentemente la situazione, lo spegnimento infatti innescò una reazione inaspettata.
    Quel gesto innocente, d’istinto, ma che sembra sempre molto pratico cui basti pensare che una cosa basti spegnerla per bloccare il problema, al contrario, ne provocò l’esplosione.
    Una nuvola di materiale radioattivo fuoriuscì dal reattore e ricadde su vaste aree intorno alla centrale, contaminandole pesantemente. Nonostante l’impegno dei vigili del fuoco e degli agenti addetti per la protezione dei cittadini, per giorni cercare di fermare le nubi radioattive risulterà solo un vano e inutile tentativo cui falliranno miseramente.
    Oramai il danno era stato fatto, e le radiazioni continuarono a espandersi fino ad arrivare anche in Europa… Quella notte, una città che fino a prima conduceva una vita normale, si trasformò in un incubo, che per gli abitanti è le persone vicine, questo incubo dura ancora oggi.
    Secondo i referti, sono 65 i morti accertati e più di 4 000 casi di tumore della tiroide, solo contando quelli giovanissimi.
    Circa 336.000 persone dovettero evacuare la zona e organizzare un reinsediamento in altre zone… Lasciandosi alle spalle tutta la loro vita e le cose cui hanno lavorato duramente per ottenere…
    Oggi è l’anniversario del disastro di Chernobyl, oggi è il giorno in cui ricordiamo con tristezza e rammarico tutte le persone che sono state colpite dalle radiazioni, nonostante non se lo meritavano.
    Oggi è il ricordo di uno scuro passato, oggi è il giorno in cui dobbiamo pensare che tutti possiamo essere Chernobyl.
    Le centrali nucleari sono dappertutto, e ogni giorno può capitare un disastro uguale o simile. Sono sicuro che anche gli abitanti di Chernobyl, pensavano che certe cose succedano solo lontano da loro… Proprio come lo pensiamo noi.

    Un saluto con affetto a tutte le persone decedute in quel disastro e gravemente colpite che da anni combattono per la propria vita.

    Lorenzo Finessi 

    Articoli Correlati

    Il filo rosso del destino

    Il Filo Rosso del Destino. Questa leggenda nasce in oriente, e narra che le persone destinate ad incontrarsi, siano legate dall'invisibile filo rosso. Questo filo non potrà mai sparire, rimarrà sempre legato, nonostante il tempo e...

    Edvard Munch

    Edvard Munch. Edvard Munch nasce a Løten, una piccola cittadina Norvegese il 12 dicembre 1863, secondo di cinque figli. La famiglia si trasferì a Christiania (nome originario di Oslo, capitale di Norvegia) nel 1864, dove Edvard...

    William Shakespeare

    William Shakespeare. William Shakespeare è uno dei più grandi drammaturgi e poeti Inglesi. Nato a Stratford-Upon-Avon, ad aprile del 1564. William è il terzo figlio, con altri sette fratelli, la sua famiglia sopravvive alla peste che...

    Romolo e Remo: Leggenda e fondazione di Roma

    Romolo e Remo: La leggenda e fondazione di Roma. Come molti sapranno, Romolo e Remo nella tradizione sono due fratelli gemelli. Uno dei due fratelli, tracciò un solco, ad indicare le mura per la nascita di...

    Il Bacio Eterno

    Il bacio eterno. Gli amanti di Hasanlu, son resti umani che sono stati scoperti nel 1972 nella parte nord-occidentale dell' Iran di ora, da un team Americano, nel sito di Teppe Hasanlu. Son stati ritrovati in...
    spot_img

    Ultimi Articoli

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui