Adolf Hitler: le tracce, la storia di un mistero

Giovanni Mari, giornalista politico italiano esperto di sistemi partitici e propaganda, ha scritto, all’esordio nel romanzo storico, un’interessante fiction basata su fatti reali e testimoniati. Il libro ha per titolo Klausener Strasse, una strada di Magdeburgo che nel 1970, nell’allora Germania dell’Est comunista e filosovietica, pare custodisse, nel cortile di una caserma, i resti cremati di Hitler, di Eva Braun e di altri appartenenti al nazismo, senza dimenticare i cani Blondi e Wolf, prediletti dal dittatore. La vicenda ruota attorno a un fatto di cronaca esplorato e ricostruito da Mari: la dissepoltura dei resti di Hitler e la loro susseguente dispersione in un anonimo canale confinante con l’Elba. L’importanza dell’operazione? Grandissima per i soldati sovietici e il capo del Kgb (i servizi segreti) Andropov onde mantenere il morboso clima di attesa e sospensione che aleggiava ancora in quegli anni sulla sorte di Hitler. Trattato come un vero elemento strategico della politica di contrapposizione fra i blocchi, il corpo del capo nazista (e la sua sorte alla fine della guerra) deve scomparire nel nulla. L’operazione, tra fiammate di retorica e difficoltà oggettive, procede come in un romanzo. Ci si chiede, infatti, dopo aver letto il libro: e se si fosse trattato di un vero e proprio romanzo, ovvero di un depistaggio?

Articoli Recenti

Related Articles

1 Comment

  1. Write more, thats all I have to say. Literally, it seems as though you relied on the video to make your point. You clearly know what youre talking about, why throw away your intelligence on just posting videos to your site when you could be giving us something informative to read?

Leave a reply

Please enter your comment!
Please enter your name here