More

    Le linee di Nazca e il suo mistero

    La città del Perù prende il nome dalla cultura Nazca che abitava la zona prima di essere conquistata dalla popolazione Incas. Questa regione è famosa nel mondo per le famose linee di Nazca.

    Le linee di Nazca sono ormai una delle attrazioni turistiche del Perù e al tempo stesso sono uno dei più grandi misteri dello stato sudamericano. Visibili nella loro interezza solo dall’alto sono fra i misteri più insoluti della storia dell’umanità

    Questi disegni e forme geometriche sono state disegnate dalla popolazione locale fra il 500 a.C. e il 500 d.C.,  occupando una superficie di circa 750km quadrati di estensione.

    Una delle figure principali del complesso è un uccello gigante che supera i 300 metri di larghezza, oltre a molte altre rappresentazioni animali come pellicani, scimmie, condor, ragni e soprattutto una rappresentazione di una figura umana che ormai viene chiamata l’astronauta, ma che più probabilmente è la raffigurazione di un qualche tipo di sacerdote o sciamano in contatto con qualcuno.

    Secondo delle teorie sviluppate nel tempo queste linee dovevano essere viste da non meglio precisate entità del cielo. Per il famoso archeologo Joah Reinhard queste linee erano parte di un più articolato culto di un dio dell’acqua, e le linee sarebbero state delle opere sacre per invocarlo, alla pari delle statue cristiane.

    Altre teorie di alcuni altri esperti dicono che le linee sul terreno erano utilizzate come osservatorio astronomico, considerando il fatto che alcune rappresentazioni indicano precise coordinate nel cielo durante i solstizi. Teoria simile vede le linee rappresentare alcune costellazioni come a formare una mappa del cielo, magari per orientare qualcuno, chi lo sa.

    Anche se sono immagini semplici, stilizzate con poche righe pare difficile credere ad una loro realizzazione solo per puro abbellimento, anche perché nei dintorni non c’è nessun rilievo che possa aver consentito di controllare lo stato dei lavori. Non è da escludere che nel passato della civiltà, umani e alieni fossero in qualche modo in contatto e che abbiano disegnato questi segnali come modo per salutarsi o per riconoscersi

    Articoli Correlati

    Il filo rosso del destino

    Il Filo Rosso del Destino. Questa leggenda nasce in oriente, e narra che le persone destinate ad incontrarsi, siano legate dall'invisibile filo rosso. Questo filo non potrà mai sparire, rimarrà sempre legato, nonostante il tempo e...

    Edvard Munch

    Edvard Munch. Edvard Munch nasce a Løten, una piccola cittadina Norvegese il 12 dicembre 1863, secondo di cinque figli. La famiglia si trasferì a Christiania (nome originario di Oslo, capitale di Norvegia) nel 1864, dove Edvard...

    William Shakespeare

    William Shakespeare. William Shakespeare è uno dei più grandi drammaturgi e poeti Inglesi. Nato a Stratford-Upon-Avon, ad aprile del 1564. William è il terzo figlio, con altri sette fratelli, la sua famiglia sopravvive alla peste che...

    Romolo e Remo: Leggenda e fondazione di Roma

    Romolo e Remo: La leggenda e fondazione di Roma. Come molti sapranno, Romolo e Remo nella tradizione sono due fratelli gemelli. Uno dei due fratelli, tracciò un solco, ad indicare le mura per la nascita di...

    Il Bacio Eterno

    Il bacio eterno. Gli amanti di Hasanlu, son resti umani che sono stati scoperti nel 1972 nella parte nord-occidentale dell' Iran di ora, da un team Americano, nel sito di Teppe Hasanlu. Son stati ritrovati in...
    spot_img

    Ultimi Articoli

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui