More

    Leggende del Brich di Zumaglia

    Il Brich fu governato da personaggi crudeli, scaturendo così molte leggende legate ad esso. La più conosciuta ed anche legata a fatti storici è quella del “Murato Vivo”. Era il 1537 quando un capitano gentiluomo che si chiamava Francesco Pecchio, si stava recando da Vercelli ad una sua tenuta ad Asigliano, da quel giorno l’uomo scomparve senza lasciarne traccia. I francesi a seguito della destituzione di Filiberto Ferrero Fleschi, arrivarono al castello, ad un tratto udirono una voce e dei lamenti provenire da un sotterraneo. Abbatterono una porta, trovando una larva d’uomo che giaceva sul pavimento seminudo. Era l’uomo scomparso vent’anni prima, Francesco Pecchio. I francesi raccontando l’accaduto sembrerebbe che Pecchio fu assalito da sicari armati mascherati. Altre voci raccontano invece che fu una vendetta per amore tra il capitano ed il marchese. In realtà era una vendetta da parte di Fleschi per Pecchio, che in qualità di pubblico ufficiale diede una sentenza di carattere finanziario contro di lui. I francesi liberarono Pecchio, anche se esso una volta libero non visse a lungo.
    La leggenda del caprone
    Nelle notti di plenilunio chiunque passasse lungo la strada guardando il castello, tra ruderi e rovi compariva una figura dalle sembianze di un caprone.
    Se il viandante continuava a camminare lungo la strada, l’animale si impennava e lo minacciava con le sue corna.
    La leggenda delle masche
    In un luogo, esterno al castello, chiamato “il torrione” si narra che intorno a tante piante di noci si radunavano le masche della regione (streghe in grado di tramutarsi in animale) .
    A volte comparivano da gatti miagolanti e partecipavano a banchetti satanici, ubriacandosi e danzando, rotolandosi sul muschio.
    Leggenda dei Folletti
    In tanta atmosfera leggendaria, c’è anche quella dei folletti.
    Si narra che i folletti erano molto interessati alle belle ragazze dei paesi vicini.
    Di notte i folletti andavano a visitarle, si avvicinavano silenziosamente e si divertivano a sciogliere le loro trecce e a rifarle. Al risveglio delle fanciulle, si ritrovavano con capelli da vere damigelle di corte.

    Articoli Correlati

    Il filo rosso del destino

    Il Filo Rosso del Destino. Questa leggenda nasce in oriente, e narra che le persone destinate ad incontrarsi, siano legate dall'invisibile filo rosso. Questo filo non potrà mai sparire, rimarrà sempre legato, nonostante il tempo e...

    Edvard Munch

    Edvard Munch. Edvard Munch nasce a Løten, una piccola cittadina Norvegese il 12 dicembre 1863, secondo di cinque figli. La famiglia si trasferì a Christiania (nome originario di Oslo, capitale di Norvegia) nel 1864, dove Edvard...

    William Shakespeare

    William Shakespeare. William Shakespeare è uno dei più grandi drammaturgi e poeti Inglesi. Nato a Stratford-Upon-Avon, ad aprile del 1564. William è il terzo figlio, con altri sette fratelli, la sua famiglia sopravvive alla peste che...

    Romolo e Remo: Leggenda e fondazione di Roma

    Romolo e Remo: La leggenda e fondazione di Roma. Come molti sapranno, Romolo e Remo nella tradizione sono due fratelli gemelli. Uno dei due fratelli, tracciò un solco, ad indicare le mura per la nascita di...

    Il Bacio Eterno

    Il bacio eterno. Gli amanti di Hasanlu, son resti umani che sono stati scoperti nel 1972 nella parte nord-occidentale dell' Iran di ora, da un team Americano, nel sito di Teppe Hasanlu. Son stati ritrovati in...
    spot_img

    Ultimi Articoli

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui