Perché Leonardo da Vinci non dipinse la Battaglia di Anghiari: il mistero nell’ultima puntata della fiction Rai

Per secoli la “Battaglia di Anghiari” è stato considerato il dipinto perduto di Leonardo da Vinci, che secondo alcuni sarebbe stato dipinto nel Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio di Firenze e poi ricoperto da un dipinto del Vasari. Anche la serie tv Leonardo in onda su Rai1 va alla ricerca del mistero, che nella realtà è stato risolto l’anno scorso da un team di ricercatori italiano.

La “Battaglia di Anghiari” di Leonardo da Vinci, di cui si parla nella serie tv Leonardo in onda su Rai1 martedì 13 aprile è uno dei grandi misteri della storia dell’arte. Si tratta di un quadro incompiuto e considerato perduto a cui il genio toscano lavorò tra il 1503 e il 1504 e che, successivamente, fu completato dal Vasari. A lungo si è ritenuto che l’opera fosse stata dipinta nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, a Firenze, ma nel 2020, un team di ricercatori ha affermato che, in realtà, l’opera non è mai stata realizzata.

La storia e il mistero della Battaglia di Anghiari

Che Leonardo avesse tutta l’intenzione di realizzare un grande dipinto a soggetto della “Battaglia di Anghiari” è certo e ciò è testimoniato dall’esistenza dei bozzetti e del progetto del dipinto (in foto). La “Battaglia di Anghiari” di Leonardo avrebbe dovuto ritratte lo scontro del 29 giugno 1440 tra le truppe milanesi dei Visconti ed una coalizione guidata dalla Repubblica di Firenze, comprendente Venezia e lo Stato Pontificio.

Il pittore fiorentino utilizzò la tecnica ad encausto, ma in corso d’opera il quadro subì diversi danni. Leonardo, quindi, abbandonò l’opera prima che fosse terminata e non si sa con certezza se e quanti resti rimasero lì. Non si è mai saputo se Giorgio Vasari riuscì o meno a preservare i frammenti pittorici del Maestro, creando da allora un alone leggendario intorno all’opera. In ogni caso, sessant’anni dopo il pittore aretino rimise mano alla decorazione, accrescendo ancor più il mistero. Nessuna ricerca né studio è ancora riuscita a risolvere la questione, nonostante vari interventi.

L’opera non è mai stata dipinta da Leonardo

Secondo quanto ci dicono le conclusioni di uno studio realizzato da un gruppo di studio internazionale dell’anno scorso, curato da Roberta Barsanti, Gianluca Belli, Emanuela Ferretti e Cecilia Frosinini, il progetto di un dipinto sulla “Battaglia di Anghiari” da parte di Leonardo da Vinci si interruppe prima della fase pittorica.

Secondo i ricercatori, il grande dipinto considerato da secoli l’opera perduta di Leonardo da Vinci, non è mai stato realizzato dal genio toscano. “Dalla domanda dov’è la battaglia di Anghiari? si è passati dunque a ma c’è mai stata la battaglia di Anghiari? e ci siamo chiesti cosa veramente avesse fatto Leonardo in quella che allora era la Sala Grande di Palazzo Vecchio – hanno affermato i ricercatori – La forza della ricerca storica è di creare nuove domande, che ovviamente siano basate su una rigorosa lettura dei dati, sia nuovi che già acquisiti. E la nostra conclusione è stata che Leonardo non abbia mai dipinto la battaglia sul muro della sala dove per tanto tempo è stata cercata. L’esistenza dei cartoni preparatori è provata e documentata. Quella del dipinto, che conosciamo solo grazie a copie di altri fino ad oggi pervenute, invece no. I materiali che vennero forniti a Leonardo erano solo funzionali al cartone e alla preparazione della parete su cui avrebbe dovuto essere realizzato. Ma la preparazione stessa del muro andò male; e dunque la Battaglia non fu mai dipinta.”

Articoli Recenti

Related Articles

2 Comments

  1. Hi, i read your blog occasionally and i own a similar one and i was just curious if you get a lot of spam remarks? If so how do you reduce it, any plugin or anything you can advise? I get so much lately it’s driving me crazy so any assistance is very much appreciated.

  2. Magnificent goods from you, man. I have understand your stuff previous to and you’re just too magnificent. I really like what you’ve acquired here, really like what you’re saying and the way in which you say it. You make it enjoyable and you still care for to keep it sensible. I can’t wait to read far more from you. This is actually a terrific web site.

Leave a reply

Please enter your comment!
Please enter your name here